Fatti&Storie

Pendolaria, tonfo della Roma-Lido

Roma

ROMA È stato presentato ieri il rapporto Pendolaria 2019 di Legambiente. Tante le tratte del Lazio tra le prime 30 in Italia per utilizzo pendolare.

La FL1 Fiumicino-Fara Sabina, già lo scorso anno tratta pendolare più frequentata d’Italia, si conferma al primo posto con un incremento ulteriore di viaggiatori fino a 81.500 al giorno (75.000 da rapporto 2018). Secondo posto per la Roma Nord-Viterbo con 75.000 pendolari al giorno, terzo per Roma Ostiense-Viterbo con 65.000 viaggiatori, al pari della Roma Lido, dove però si conferma un crollo verticale del numero dei viaggiatori che solo pochi anni fa raggiungeva le 100.000 persone ogni giorno, decremento causato da continui guasti, corse che saltano, informazioni mancanti, sovraffollamento, freddo d’inverno e caldo d’estate che ne continuano a fare la tratta peggiore d’Italia.

Nel Lazio si conferma il trend positivo grazie al materiale rotabile, sostituito in gran parte col Contratto di Servizio Regione-Trenitalia che ha permesso l’arrivo di 114 carrozze Vivalto, 20 treni Jazz e il revamping di 46 TAF. Il Lazio è tredicesimo per bilancio dedicato ai pendolari. E ieri nella commissione regionale Trasporti i tecnici di Rfi hanno presentato il progetto per il raddoppio della linea Fl3 Roma-Viterbo  tra Cesano e Bracciano. I cantieri dovrebbero partire nel 2021.

Articoli Correlati
Fatti&Storie