Sport

Atalanta-Juventus 3-0 Bianconeri, addio Coppa e triplete

Coppa Italia

CALCIO Un paio di minuti terrificanti per la Juventus: quelli a cavallo tra il 37’ e il 39’ del primo tempo. Momenti durante i quali l’Atalanta ha preso a schiaffi la Signora, prima con una sberla da fuori area di Castagne e poi con una conclusione dal limite dell’area di Zapata. Uno che, grazie alla cura Gasperini, pare diventato un fenomeno da buon attaccante che era: dopo la doppietta segnata alla Juve in campionato poco più di un mese fa (avendola già bucata altre due volte con le maglie di Udinese e Sampdoria), il colombiano ha concesso il bis ieri (suo anche il 3-0, nel finale) andando a segno per la decima partita di fila tra serie A e Coppa Italia. Risultato: la Dea vola in semifinale (contro la Fiorentina) e la Juve abbandona la possibilità di centrare l’accoppiata scudetto-Coppa Italia per il quinto anno di fila. Mala tempora, insomma, per i bianconeri: imballati, quasi mai pericolosi, magari un po’ superficiali nonostante gli avvertimenti lanciati da Allegri (espulso dopo il 2-0 bergamasco, per proteste) nei giorni scorsi. Tanto merito va però all’Atalanta che, insieme al Genoa, era stata l’unica squadra a rallentare la corsa dei bianconeri in campionato. Eroe della serata, appunto, Zapata: meglio di Ronaldo, decisamente, splendido e inesauribile anche nel difendere il vantaggio e nel punire infine per la seconda volta i presuntuosi campioni d’Italia. I quali dovranno anche capire l’entità dell’infortunio muscolare di Chiellini, nell’occasione sostituito (male) da De Sciglio al centro della difesa.

DOMENICO LATAGLIATA

Articoli Correlati
Sport