Spettacoli

Ligabue sarà super ospite a Sanremo

Sanremo 2019

SANREMO Manca ancora un po' all'inizio della 69esima edizione del Festival di Sanremo. Ma è già tempo di annunci. Primo fra tutti quello che vede Ligabue tornare sul palco dell'Ariston in veste di super ospite. Il rocker era già salito su quel palco nel 2014, la sua prima volta in assoluto. Così Luciano Ligabue sarebbe già stato avvistato in quel di Sanremo per le prove necessarie alla sua esibizione. Ancora top secret il giorno in cui salirà sul palco. Di certo c'è che l'8 marzo uscirà il suo nuovo album intitolato “Start” che sarà anticipato dal singolo “Luci d'America”; il 14 giugno, invece, da Bari partirà il tour italiano. 

Nessun segreto invece per quanto riguarda un'altra super ospite: «Ritornerò per la quarta volta sul palcoscenico dell'Ariston a Sanremo accanto a Friedeman Vogel in un passo a due firmato per l'occasione da Giorgio Mancini». Eccola, l'étoile internazionale e direttrice del corpo di ballo del Teatro dell'Opera di Roma, Eleonora Abbagnato che ha presentato proprio oggi la “Carmen” (in scena dal 2 al 10 febbraio) interpretata da Rebecca Bianchi e dall'artista ospite Amar Ramasar, principal dancer del New York City Ballet. Accanto a Susanna Salvi in scena, nei ruoli principali, anche Claudio Cocino, Alessio Rezza, Michele Satriano, Gaetan Vermeulen.

Tornando al festival per un Premio alla carriera della città di Sanremo che sarà assegnato a Pino Daniele - “In quarant'anni di incisioni discografiche e di esibizioni dal vivo - si legge nella motivazione - ha saputo imporsi come figura di spicco e completa nel panorama della canzone d'autore italiana, mantenendo un legame fortissimo con la tradizione napoletana e guardando sempre con coraggio artistico e curiosità alle musiche del mondo” - c'è la dichiarata amarezza di Peppino Di Capri.

«Sarebbe stato più corretto un premio alla memoria e magari anche prima di quest'anno». La scelta «è ricaduta su Pino Daniele che al Festival è stato solo una volta come ospite, mentre io ci sono andato 15 volte in gara», spiega Di Capri.

E a chi gli chiede se le sue dichiarazioni sui migranti («Sto più con Salvini che con Baglioni» ) possano aver influito sulla decisione del comune e del direttore artistico, lui risponde serenamente: «Questo non c'entra con la musica». E non smette di sperare.

PATRIZIA PERTUSO

Articoli Correlati
Spettacoli