Fatti&Storie

Frasi di Di Maio, Parigi convoca l'ambasciatore italiano

Migranti

L'ambasciatore italiano a Parigi, Teresa Castaldo, è stato convocato dal ministero degli Esteri francese per le affermazioni del vice premier, Luigi Di Maio, sull'immigrazione. Lo ha riferito una fonte del governo francese. Il ministro per gli Affari europei, Nathalie Loiseau, "ha convocato l'ambasciatore italiano in seguito ad affermazioni inaccettabili e inutili delle autorità italiane ieri", ha fatto sapere una nota. 

Le frasi di Di Maio.   Ieri, Di Maio aveva accusato la Francia di "impoverire l'Africa" aggravando la crisi migratoria. "Se vogliamo continuare a parlare degli effetti continuiamo con la retorica dei morti in mare che ovviamente sono una tragedia e hanno tutto il mio cordoglio, ma dobbiamo parlare delle cause perché se oggi c'è gente che parte è perche' alcuni Paesi europei con in testa la Francia non hanno mai smesso di colonizzare l'Africa". E ancora: "La Ue dovrebbe sanzionare la Francia e tutti quei paesi che come la Francia stanno impoverendo l'Africa e stanno facendo partire quelle persone", aveva aggiunto il vicepremier italiano.

Il vicepremier insiste. "Io non credo che sia un caso diplomatico, io credo che sia tutto vero", ha detto il vicepremier Luigi Di Maio replica a chi gli chiede della convocazione dell'ambasciatrice italiana a Parigi in seguito alle sue affermazioni contro il governo francese. "La Francia è uno di quei Paesi che stampando la moneta per 14 Stati africani impedisce lo sviluppo e contribuisce alla partenza dei profughi - ribadisce Di Maio - se l'Europa in questo momento vuole avere un po' di coraggio deve avere la forza di affrontare il tema della decolonizzazione dell'Africa". 

Moscovici: "Provocazioni".  "Alcune parole sono pronunciate solo per politica interna, per provocare delle reazioni e assomigliano molto a delle provocazioni tanto il loro contenuto è vuoto e irresponsabile", ha reagito il commissario agli Affari economici, Pierre Moscovici, commentando le accuse di Luigi Di Maio alla Francia.  "L'ambasciatrice italiana è stata convocata oggi al ministero degli Affari esteri francesi per incontrare il direttore di gabinetto della ministra degli Affari europei", ha ricordato Moscovici durante una conferenza stampa al termine dell'Eurogruppo. "Come francese e commissario europeo vogliono dire che la qualità delle relazioni tra Parigi e Roma è importante e deve restare una volontà comune per chi dirige questi due paesi quali che siano i partiti al potere. Spero che si possa superare questo stadio conflittuale che per me è del tutto negativo, nefasto e privo di senso", ha detto Moscovici. "Basta guardare la geografia, la storia, l'economia e la cultura per vedere che questi due paesi sono estremamente vicini e devono restarlo", ha concluso il commissario Ue. 

Articoli Correlati
Fatti&Storie