Fatti&Storie

Da Firenze a Milano la moda è ecologica

Milano/Moda Uomo

MILANO Venerdì scorso si è chiusa la 95esima edizione di Pitti Immagine Uomo a Firenze. Il testimone è passato immediatamente a Milano con la sua quattro giorni d’autunno/inverno 2019-2020. E se dal capoluogo toscano è partita un’edizione eco-sostenibile con il brand britannico di swimwear Ritz, gli shorts realizzati con bottiglie di plastica riciclata,  Ecoalf ha usato pneumatici, cotone postindustriale e fondi del caffè trasformandoli in capispalla e accessori vari, Milano non ha potuto far altro che accettare la sfida e accogliere la fashion’s week all’insegna dell’ambiente: Etro ha presentato, per esempio, la capsule collection “benETROessere” con camicie in una fibra ricavata da coltivazioni responsabili per ridurre i pesticidi e le sostanze chimiche. Per il suo  denim Etro ha scelto tecnologie a bassissimo impatto ambientale che tingono e lavano il filato permettendo di risparmiare addirittura il 50% d’acqua.

A chiudere la Moda Uomo milanese hanno pensato, fra gli altri,  Emporio Armani e Fendi: il primo ha fatto sfilare  pellicce ecologiche su cui troneggiano impronte di animali che vivono in mezzo alla natura, in un Nord non definito. Fendi invece ha puntato sul dualismo classicismo-futurismo per eleggere a icona Karl Lagerfield con cui Silvia Venturini Fendi collabora anche per la linea donna.

PATRIZIA PERTUSO

Articoli Correlati
Fatti&Storie