Fatti&Storie

No Vax, Grillo svolta Sì all'appello di Burioni

Vaccini

Impegno di tutti contro gli pseudo-scienziati, a promuovere l'informazione corretta, a sostenere la scienza come valore universale, ad aumentare i finanziamenti. E ovviamente, a difendere l'utilità e l'importanza dei vaccini contro la marea di fake news. Un documento bipartisan promosso da Roberto Burioni, il virologo divenuto celebre per le sue battaglie sui social contro i no-vax, diventa uno spartiacque nella storia del M5S, dopo l'annuncio a sorpresa che accanto a firme più prevedibili, come quella di Matteo Renzi, compare quella del fondatore del M5S, Beppe Grillo.

Burioni. "Oggi è successa una cosa molto importante: Beppe Grillo e Matteo Renzi hanno sottoscritto (insieme a molti altri), un patto a difesa della scienza. Perché ci si puo' dividere su tutto, ma una base comune deve esserci. La scienza deve fare parte di questa base", ha annunciato Burioni su Facebook. "Perché non ascoltare la scienza - ha aggiunto - significa non solo oscurantismo e superstizione, ma anche dolore, sofferenza e morte di esseri umani. Oggi sono molto contento, perché due persone rivali e distanti sono d'accordo sul fatto che non possiamo permetterci di buttarla via".

Scalpore dentro M5S. Una firma che ha fatto scalpore, soprattutto nella galassia pentastellata, sorpresa da un'adesione che ha il sapore di una correzione di rotta rispetto a posizioni che da sempre hanno puntato il dito contro le collusioni tra scienza "ufficiale" e case farmaceutiche, per non parlare della presunta pericolosità dei vaccini stessi. Non a caso Grillo, nel confermare la sua firma al documento, non cita l'odiato (dai 5 stelle) Burioni ma il co-estensore del testo, il professor Guido Silvestri. Ma il senso della svolta è chiaro dalle parole dello stesso Grillo: "Il progresso della scienza deve essere riconosciuto come un valore universale dell'umanità e non può essere negato o distorto per fini politici e/o elettorali". Ma non solo. "Nella scienza non si crede: o si capisce oppure non si capisce. E' una modalità di comprensione delle cose del mondo - prosegue allora Grillo arrivando al cuore della questione - che deve essere capace di prescindere da qualsiasi pregiudizio, quindi anche relativamente a un certo vaccino o modalità di vaccinazione della popolazione".

Post scriptum. Poi, un post scriptum, comparso in grassetto, in un secondo momento. Difficile non collegarlo all'ondata di commenti negativi all'annuncio della svolta sul sensibilissimo tema dei vaccini. Per precisare, in calce all'adesione confermata in precedenza sul suo Blog, di aver "ricevuto il presente appello dal professor Guido Silvestri".    "Non conosco il professor Roberto Burioni", assicura il Garante M5S.

Articoli Correlati
Fatti&Storie