Meteo
 


Fatti&Storie

Scioperi e treni ko bloccano Gtt

TORINO

MOBILITA' C’è chi ancora è in vacanza e già deve prepararsi al primo giorno nero per i trasporti torinesi. Sarà mercoledì 16 gennaio, quando i mezzi si bloccheranno per 24 ore per uno sciopero. A proclamarlo sono Ugl e sindacati di base, come fatto sapere da Gtt, per metro, treni e bus che garantiranno le fasce di sicurezza dalle 6 alle 9 e dalle 12 alle 15. Orari diversi per mezzi extraurbani e treni per cui sarà garantito il passaggio da inizio servizio alle 8 e dalle 14,30 alle 17,30. 
Un annuncio che preoccupa i passeggeri soprattutto perché arriva in contemporanea con lo stop di quindici treni della metropolitana di Torino, bloccati da alcuni certificati di revisione scaduti. Una situazione che causa la riduzione delle corse anche negli orari di punta. Con i mezzi fermi, infatti, salterà una corsa ogni cinque che, da una prima stima, farebbe salire i tempi di attesa nei momenti di punta di 50 secondi circa che si aggiungerebbero ai 2 minuti attesi con la flotta al completo. 
In totale i treni con i certificati scaduti erano 58 che restavano sulla linea per una proroga ministeriale, di questi autorizzati con apposita revisione sono stati 43. 
Sempre in tema di trasporti, stop della polizia locale di Torino, anche in questo caso per sciopero. Un pacchetto di cinque domeniche, proclamato dal sindacato Csa regioni autonome locali che riguarderà le squadre di turno nel giorno festivo fino al 10 febbraio. Un’azione contro la riorganizzazione unilaterale del Corpo, la gestione delle ferie, l’aumento dei servizi più gravosi in parallelo a una diminuzione di personale e al taglio dei fondi per la previdenza. «Vogliamo dare finalmente la scossa a un apparato che della inedia ha fatto la regola sfruttando fino all'osso il nostro amato corpo», si legge sul volantino sindacale.  

Cristina Palazzo

Articoli Correlati
Fatti&Storie