Spettacoli

Sotto l’albero, tra Gazzè Nazari e Modena City

Max Gazzè

TORINO Feste in arrivo? La musica non si ferma. A partire da domani, quando allo Spazio 211 arriverà Dutch Nazari, da più parti indicato come uno dei nomi su cui puntare per il 2019. Per l’occasione (ore 21.30, euro 13.22) presenterà il suo nuovo cd “Ce Lo Chiede L’Europa”, che mescola pop, canzone d’autore e rap fra suoni incalzanti, beat elettronici, impegno politico e romanticismo. «Ce lo chiede l’Europa è una frase che è stata usata fino allo sfinimento dalla politica negli ultimi otto/nove anni, di solito per giustificare scelte impopolari scaricandone la responsabilità» spiega l’artista padovano, influenzato anche dai “poetry slam”, gare in cui poeti si scontrano recitando i propri versi.

Domenica pomeriggio al Centro Le Gru, dalle 15 alle 17.50, il Sunshine Gospel Choir si esibirà in 4 showcase natalizi. Qualche giorno dopo, venerdì 28, i Modena City Ramblers torneranno all’Hiroshima (ore 21, euro 17.25) dopo il tutto esaurito dello scorso novembre per un set acustico che racconta i loro 25 anni di storia in musica: sarà l’occasione per riascoltare una copiosa manciata di piccoli grandi classici del combat-folk nostrano ad opera di una band militante e fieramente indipendente. Il gruppo ha anche da poco iniziato una campagna di crowfunding per raccogliere fondi per la produzione del cd/dvd live “Riaccolti”.

Il nuovo anno si aprirà nel segno del pop d’autore di Max Gazzè, che dal 3 al 5 gennaio sarà di scena al teatro Concordia di Venaria Reale (ore 21, euro 28.75) per festeggiare il ventennale di uno dei suoi lavori migliori, “La Favola di Adamo ed Eva”. Un disco intrigante, in equilibrio fra pop e sperimentazione, ripubblicato poche settimane fa in una versione rimasterizzata con l'aggiunta di “Una musica può fare” (portata a Sanremo nel 1999). Un album che, a distanza di tempo, suona ancora attualissimo per la modernità degli arrangiamenti, le melodie avvincenti e l’efficacia dei testi. Da “Cara Valentina” al tormentone “Vento d’estate”, dalla stessa “title-track” a “L’amore pensato” e “Comunque vada”. Per l’occasione Max, accompagnato dalla sua band storica, risuonerà esattamente la scaletta del disco senza dimenticare gli altri suoi grandi successi di carriera.

E per il giorno della Befana ecco al Colosseo (ore 17, da euro 29)  una delle ultime date dell’Equilibrium Christmas Tour di Giovanni Allevi con l’Orchestra Sinfonica Italiana. Per l’occasione il pianista e compositore marchigiano, che ospiterà sul palco numerosi ospiti (alcuni fan inclusi), proporrà anche due composizioni inedite e la rilettura di alcune tra le più famose melodie del Natale.
«Nello spirito del Natale – dice Allevi – non potevo che fare un regalo a mio modo: presentare al pubblico due mie nuove composizioni scritte in questi ultimi mesi, indipendentemente dalle uscite discografiche. Mi piace pensare a queste mie creazioni come ad una gioia da condividere, anche con i più piccoli fan».

 

Articoli Correlati
Spettacoli