Spettacoli

Ernia in concerto: «Ora vado oltre il trap»

Torino/Musica

TORINO È un rapper un po' diverso, che rifugge gli stereotipi, dal look vistoso ai testi sempre sopra le righe. Anche perciò Ernia è una “mosca bianca” nel mondo hip hop: veste in maniera “normale”, ha fatto il liceo, ama De André e legge Hemingway e Baudelaire. E racconta se stesso e il mondo con rime riflessive e profonde, senza dimenticare di graffiare, quando ci vuole.

L'artista milanese arriva venerdì al Millionaire club di Trofarello (ore 21, euro 13) col 68 tour, che prende il titolo dal suo ultimo album: «Il 68 è il bus che porta dalla periferia al centro di Milano. Metafora della mia vita: prima ero uno sconosciuto, ora sono primo in classifica. Però i mezzi pubblici li prendo ancora», spiega.

Per l'occasione Matteo Professione (questo il suo vero nome) farà il punto sulla sua breve ma intensa carriera, che lo vede oggi fra gli artisti più apprezzati del settore.

«Nel mio set protagonista sarà la musica per un one man show senza gruppo, ma con una dj donna per la prima volta in Italia. Ci saranno vecchi brani e tutti i pezzi del mio ultimo cd. Un disco in cui mi sono preso dei rischi, non seguendo la moda trap ma facendo qualcosa di diverso, più tipicamente rap». 

I due concerti sold out di Frah Quintale, previsti per domani e venerdì all'Hiroshima, sono stati posticipati al 13 gennaio nella sede più ampia del teatro Concordia di Venaria Reale. Riaperte, quindi, le prevendite (euro 20.70). I tagliandi precedentemente acquistati rimangono validi per la nuova data. Per i rimborsi recarsi presso il punto vendita dove si è acquistato il biglietto entro il 5 gennaio 2019.

DIEGO PERUGINI

Articoli Correlati
Foto Luca Brunetti
Spettacoli