Sport

La catastrofe del Diavolo

Europa League

CALCIO Il nuovo Milan targato Elliott è già fuori dall’Europa e Atene questa volta non porta bene. La clamorosa sconfitta per 3-1 in casa dell’Olympiacos nell’ultima giornata della fase a gironi condanna i rossoneri all’eliminazione dall’Europa League. I gol di Cissè e Zapata (di cui uno, purtroppo, autogol) e un rigore quanto meno generosamente concesso realizzato da Fortounis, consentono ai greci di agganciare i rossoneri al secondo posto della classifica del girone F e passare il turno grazie alla migliore differenza reti. Una partita incredibile, una serata amarissima per Gattuso e i suoi ragazzi che hanno sciupato troppe occasioni e pagato a caro prezzo anche una discutibile condotta arbitrale. È mancato un po’ di coraggio ai rossoneri, pur avendo là davanti Castillejo, Higuain e Cutrone; troppo attendisti e mai veramente padroni del campo. Con la beffa finale, oltretutto, dei continui palloni buttati in campo per disturbare il tentativo di segnare nel recupero il gol della disperazione. Gattuso è onesto: «Torti arbitrali? La partita l’abbiamo regalata. Così è giusto uscire». Ora resta il campionato e un 4° posto da difendere. Oggi intanto è prevista la sentenza UEFA sul Fair Play Finanziario, altro possibile boccone amaro da ingoiare.

METRO

Articoli Correlati
Sport