Spettacoli

Gazzelle: «Canto un amore un po’ malinconico»

Gazzelle Punk

MUSICA È uno degli artisti di punta del nuovo pop. Romano, 28 anni, prende il nome da un modello di scarpe a lui caro, Gazzelle, e si veste nello stile dei suoi idoli, gli Oasis. All’anagrafe fa Flavio Pardini e pubblica ora il secondo cd, “Punk”, che musicalmente a poco a che fare col genere di Sex Pistols e dintorni. “Però c’è quell’attitudine libera e anarchica, il non voler seguire le logiche di mercato, ma la mia esigenza di scrivere”, spiega. Le nuove canzoni, da “Sopra” a “Tutta la vita” e “Scintille”, mescolano tastiere alla Coldplay alla tradizione d’autore italiana: «Scrivo al piano quando arriva l’ispirazione: i pezzi nascono in 10 minuti, altrimenti lascio stare. Canto un amore un po’ malinconico, tutta roba vera, come in un’autoanalisi».

Un movimento, quello dell’it-pop, che sta cambiando le regole grazie a Thegiornalisti, Calcutta e...Gazzelle: «È nato tutto dal basso, dalla gente. Parliamo il linguaggio dei ragazzi d’oggi, un po’ come De Gregori parlava a mia mamma negli Anni ‘70. Occupiamo un posto che sta in mezzo fra il mainstream tipo Emma Marrone e il rock impegnato di Manuel Agnelli».

Da domani a Torino l’instore (sabato a Milano e domenica a Roma), a marzo i concerti al Forum d’Assago (1) e Palazzo dello Sport di Roma (3). «Sono spazi grandi, ma niente paura. Anzi, non vedo l’ora. Spero venga capito lo sforzo, il salto di qualità». Sognando in futuro la collaborazione della vita: «Ucciderei per un duetto con Noel o Liam Gallagher. Sono state le ultime rockstar, dopo di loro il vuoto».

 

 

DIEGO PERUGINI

 

Spettacoli