Fatti&Storie

Ex penicillina sgombero a breve

Roma

ROMA I circa 500 occupanti dell’ex fabbrica di penicillina in via Tiburtina 1040 dovranno abbandonare a breve il maxi complesso industriale segnato dal degrado, invaso da tonnellate di immondizia e da materiali pericolosi per la salute, come amianto e sostanze chimiche.
Lo ha stabilito la sindaca Virginia Raggi, che martedì ha firmato l’ordinanza di sgombero. Un provvedimento nel quale è scritto che nel caso (assai probabile) in cui non sarà possibile mettere in sicurezza l’area e rendere inaccessibile il sito, si dovrà procedere alla demolizione dell’ex fabbrica, già sgomberata in passato due volte e puntualmente rioccupata da un esercito di disperati: migranti in gran parte africani, dittadini dell’Est europa e anche italiani. Non c’è ancora una data certa, ma lo sgombero secondo alcune indiscrezioni, potrebbe avvenire subito dopo l’8 dicembre.

La questione è stata affrontata ieri pomeriggio nel corso del comitato per l’ordine pubblico e la sicurezza in prefettura, a cui hanno partecipato l’assessora capitolina al Sociale, Laura Baldassarre, e il delegato della sindaca alla sicurezza, Marco Cardilli. La Baldassarre ha spiegato che si sta ultimando il censimento degli occupanti e si sta definendo, assieme a diverse associazioni, la presa in carico degli occupanti con maggiori fragilità. Cardilli ha sottolineato l’importanza della collaborazione con la Isf Industria farmaceutica Srl per gestire le fasi successive allo sgombero dell’immensa area inserita in cima alla lista degli immobili da liberare a Roma.

Articoli Correlati
Fatti&Storie