Spettacoli

Motta incontra l’Africa con Les Filles

Torino/Musica

ROMA «Ho scoperto Les Filles des Illighadad quasi per caso, vedendole in concerto a Berlino e me ne sono innamorato follemente. Desideravo tantissimo provare a fare qualcosa con loro e sono felice di poter realizzare questo desiderio. Nemmeno noi sappiamo ancora bene che cosa ci aspetta, ma sono sicuro che sarà una bellissima sorpresa». 
Con queste parole Motta, una delle voci più belle e personali della nuova canzone d'autore italiana, introduce il concerto di cui sarà protagonista domani a partire dalle 21 al Parco della Musica. 

Con lui sul palco saliranno Les Filles, un gruppo di donne provenienti da un piccolo villaggio del Niger, la cui musica - quella delle tribù dei popoli Tuareg che accompagna nascite, matrimoni e morti - è fortemente radicata nella vita di tutti i giorni.

A guidare la band è Fatou Seidi Ghali, cantante, performer e fra le poche chitarriste Tuareg nel Niger. 

Incontro spiazzante, sperimentale, unico nel suo genere quello fra Motta e il gruppo africano.

Nel concerto il trentaduenne cantautore pisano eseguirà gran parte dei brani tratti dal suo ultimo album  intitolato “Vivere o Morire”, riarrangiati e arricchiti per l'occasione. Uscito lo scorso aprile il disco ha già conquistato la Targa Tenco per il miglior album del 2018.

STEFANO MILIONI

Articoli Correlati
Spettacoli