Sport

Il calcio abbraccia Vialli dopo la notizia della malattia

Calcio

CALCIO Quelli che non sapevano. Quelli che gli riconoscono coraggio. Tanti, ieri, i messaggi di vicinanza a Gianluca Vialli che, al Corriere della Sera, ha rivelato di aver combattuto il cancro. Gianni Rivera gli riconosce «quel coraggio che è un buon segno per combattere», mentre per Beppe Marotta «è un esempio da imitare». «Una scelta consapevole che ci avvicina tutti a lui», per Damiano Tommasi. «Sostegno pieno all’uomo di calcio e all’uomo», da parte di Renzo Ulivieri. E poi Ciro Ferrara, Tacchinardi, Riccardo Ferri. L’Inter ha twittato: «Tifiamo per te». L’ex campione ha rivelato  di aver avuto un cancro. «Ti prende come un senso di vergogna, come se quel che ti è successo fosse colpa tua. Giravo con un maglione sotto la camicia, perché gli altri non si accorgessero di nulla, per essere ancora il Vialli che conoscevano. Poi ho deciso di raccontare la mia storia e metterla nel libro (“Goals. 98 storie + 1 per affrontare le sfide più difficili”, ndr). «Come sto ora ? Bene, anzi molto bene. Ma non ho ancora la certezza di come finirà la partita».

Gli altri casi
Non pochi i casi tra gli sportivi in attività: dalla sciatrice Elena Fanchini ai calciatori Francesco Acerbi e Eric Abidal, dai ciclisti Lance Armstrong e Ivan Basso, allo schermidore Paolo Pizzo.

Articoli Correlati
Sport