Fatti&Storie

Rom: sgomberato il campo del Germagnano

TORINO

SICUREZZA «In questa città non possono esistere aree franche in cui le persone si sentono libere di non rispettare le regole della comunità». Così la sindaca Appendino ha commentato l’operazione della polizia municipale che ieri  ha abbattuto 28 baracche nel campo nomadi di via Germagnano. Il blitz dei “civich” ha riguardato un quinto del totale delle baracche abusive, occupate da 500 persone. Non ci sono state tensioni: gli occupanti erano già andati via e le strutture erano vuote quando le ruspe sono state accese. Oltre alla demolizione, la polizia municipale ha dato il via anche alle operazioni di rimozione delle roulotte abbandonate. «È un risultato storico» per la Sindaca. «Era da 15 anni che in via Germagnano si aspettava un intervento di ripristino della legalità», aggiunge. Sono scattate le denunce per quattro rom, capi clan per gli inquirenti, accusati di violazione dei sigilli e occupazione del suolo; circa un centinaio, invece, le persone allontanate. «È un’operazione di alleggerimento abusivo che di solito avvengono senza tensioni con i residenti. L’importante è che in quell’area si sia arrivati al ripristino della legalità», sottolinea il comandante Bezzon annunciando un altro intervento di demolizione di un insediamento importante entro fine anno. CRISTINA PALAZZO

Articoli Correlati
Fatti&Storie