Fatti&Storie

Trenord, feeling tra Toninelli e Fontana

MILANO/TRENORD

«Lasciamo alle spalle tutto il passato. C'è una grande sinergia e collaborazione dello Stato, della Regione Lombardia e anche di FS». Toni trionfalistici quelli del  ministro delle Infrastrutture e trasporti,  Danilo Toninelli, al termine dell'incontro su Trenord con l'azienda, la Regione Lombardia e le FS. «Non abbiamo la bacchetta magica e ci vorrà un po' di tempo ma per febbraio scriveremo un cronoprogramma degli investimenti e interventi».     La dichiarazione ufficiale di Toninelli e del presidente della Regione Attilio Fontana recita: «Trenord sarà una priorità per lo Stato, per la Regione e per le Ferrovie dello Stato da qui al prossimo 2020».   «Il tavolo proseguirà già nelle prossime settimane a livello di management e a livello tecnico per definire il piano degli interventi e degli investimenti da oggi ai prossimi due anni». Si parla anche di «migliorare organizzazione e gestione a partire dal programma di emergenza temporaneo, che dovrà essere contenuto al massimo e non toccare il servizio per i viaggiatori abituali», ossia quel piano di soppressione di linee secondarie che anche ieri ha creato molti disagi su alcune linee. Nella nota si fa riferimento anche all’obiettivo entro il 2020 di creare le condizioni  per «proiettare la programmazione del servizio negli anni futuri, secondo modelli di offerta moderni ed efficiente e una struttura di governance più efficace». In proposito domani verrà nominato il nuovo Cda. PAOLA RIZZI

Articoli Correlati
Fatti&Storie