Fatti&Storie

In tv ci va il robot Nato l'automa giornalista

Robot

Il primo conduttore di news artificiale, creato in Cina dall'agenzia Xinhua e dal motore di ricerca Sogou, prende le sembianze di un giornalista in carne e ossa della principale agenzia di stampa cinese, e di nome fa Qiu Hao. Il nuovo membro della redazione si presenta come instancabile e in grado di essere replicato, potenzialmente all'infinito, per presentare le notizie da differenti scenari. In un servizio trasmesso da Beijing Tv, il conduttore in carne e ossa ha parlato delle caratteristiche del nuovo arrivato alla Xinhua. "Io sono Qiu Hao, e lui pure è Qiu Hao", ha detto davanti alle telecamere, indicando sullo sfondo un'immagine del suo alter ego artificiale in attività.    Qiu Hao non è da solo in questa operazione: un altro conduttore artificiale, per le notizie in inglese, ha le sembianze di un altro giornalista dell'agenzia di stampa cinese, di nome Zhang Zhao. "Salve a tutti, sono un conduttore di news artificiale in lingua inglese. Questo è il mio primo giorno all'agenzia Xinhua", ha detto all'esordio sul piccolo schermo. "Lo sviluppo dell'industria dei media richiede continua innovazione e una profonda integrazione con le avanzate tecnologie internazionali". Entrambi i conduttori artificiali sono stati sviluppati con macchine che replicano il suono della voce, i movimenti facciali e la gestualità dei conduttori in carne e ossa. L'agenzia Xinhua usa già oggi robot per la stesura di testi di news on line, pur sotto la supervisione di un editor umano, come nel caso del fissaggio della parità giornaliera dello yuan sul dollaro, per esempio, o per l'aggiornamento sull'andamento dei mercati azionari di Shanghai e Shenzhen pubblicati sul sito web in inglese Xinhuanet, ma l'arrivo del conduttore artificiale ha destato reazioni contrastanti tra il pubblico: sui social media cinesi c'e' chi lo ha definito "spaventoso", e chi ha detto che "mette i brividi" a vederlo.

Immagine quasi umana.  L'obiettivo che si voleva raggiungere, ha spiegato la Xinhua, era quello di creare "un'immagine che sembri umana, invece di un freddo robot". Anche il Qiu Hao artificiale, però, ha i suoi limiti: l'instancabile conduttore, pur essendo in grado di fornire news 24 ore al giorno, sette giorni su sette, ha bisogno di una fornitura continua di testi per potere continuare a operare come conduttore. 

Articoli Correlati
Fatti&Storie