Opinioni

Global warming, lezione a Trump il negazionista

Maurizio Guandalini

Sono nero con Trump. Merita una lezione. Elettorale. Gli manderò il conto. Delle persiane distrutte. Dopo un violentissimo temporale. In Val Padana, che col vento non va d’accordo. La folata massima che ricordo è sui 10 chilometri orari. Poi, l’apocalisse. Un attimo. L’Italia è tra i dieci paesi più colpiti al mondo per alluvioni, siccità , tempeste ondate di calore e terremoti. Chi glielo dice al Presidente ‘negazionista’? Il clima pazzo non lo vede. Affezionato com’è a fumi e carbone, come fossero acqua termale.
La furia sterminatrice arriva e fa fuori milioni di alberi. Servono 100 anni per vederli come prima. E non c’è prevenzione che tenga davanti alle catastrofi. Che fai, metti un muro di cemento in acqua per riparare Portofino e Rapallo dalle onde alte sette metri? Curare il clima è il solo anestetico ai fenomeni atmosferici. Mai accaduti. Capire che un batter d’ali di una farfalla a Yellowstone può tramortire le Dolomiti. Diano l’esempio a Washington. Ahinoi, The Donald, autoescludendosi, fa coincidere il destino del mondo con il tempo di vita davanti a sé. Pensando a un giro di cassa.
Sfogliando la partita doppia, occorre rivedere qualcosa. Alla gerarchia degli esattori contrapporre una scala di chi paga. I cittadini lo fanno. Diligenti. Con impegno, spesso infruttuoso. Cambiare l’auto che inquina è una spesa non indifferente. Se però, malgrado i divieti di circolazione, l’aria rimane fetida e bastano i fuochi di una discarica illegale per costringere i cittadini a barricarsi in casa, vuol dire che le pratiche green non sono allineate. Ad esempio, non è salutare installare i pannelli solari ad Aosta mentre, oltre confine, ci stanno 50 centrali nucleari funzionanti.

L’umanità avrà la sorte che saprà meritarsi. Einstein lo disse in tempo di guerra. Trump alle elezioni di medio termine fa il ganassa per la buona economia e la difesa dall’invasore meticcio. Si ricordi che agli alleati amici non basterà la mancia dei dazi per ripagarli dall’ecatombe di questi giorni.

MAURIZIO GUANDALINI

Articoli Correlati
Opinioni