Meteo
 


Fatti&Storie

L'Arpa tranquillizza non c’è un allarme diossina

MILANO/DISCARICA

AMBIENTE La diffusione di diossina  c’è stata, ma i livelli non sarebbero preoccupanti. A dirlo Arpa Lombardia, che ieri ha diffuso i dati sul campionamento dell’aria effettuato dopo l’incendio nella discarica di via Chiasserini. Il rogo  avrebbe infatti generato una percentuale di diossina pari a 0,5 picogrammi per metro cubo. Secondo i normali parametri, la sostanza comporterebbe pericoli per la salute qualora fosse presente con una percentuale dello 0,3 per un anno intero. Dunque valori di diossina alterati, ma non pericolosi per la salute. Le concentrazioni degli Ipa (idrocarburi policiclici aromatici) sono risultate coerenti con i valori che a Milano città vengono misurati nel periodo invernale. Ieri per fare il punto delle operazioni, si sono riuniti nella discarica il vicesindaco Scavuzzo, l’assessore comunale Granelli, quello regionale Cattaneo, Arpa e Ast. Tutti concordi nel rassicurare su eventuali pericoli e sul fatto che le indicazioni fornite agli abitanti dei quartieri Bovisasca e Quarto Oggiaro restano valide fino a questa sera. Quindi finestre chiuse e niente attività all’aperto. Granelli ha poi aggiunto: «L’odore rimarrà presumibilmente fino a domani (oggi, ndr), ma di intensità sempre minore. Chiediamo un po’ di pazienza ai milanesi per altre 24 ore, anche se è notevolmente inferiore, rispetto a lunedì e martedi».  I Vigili del fuoco hanno infine assicurato che le operazioni di spegnimento dei roghi si concluderanno entro oggi, massimo entro sabato sera. 

 

Articoli Correlati
Fatti&Storie