Opinioni

Ora dobbiamo lavorare su un'alimentazione sostenibile

Massimiliano Pontillo

Ogni 16 ottobre le Nazioni Unite celebrano la Giornata Mondiale dell’Alimentazione. Quest’anno si è scelto uno specifico impegno: lavorare sull’alimentazione sostenibile. Secondo la Fao, nel mondo sono oltre 821 milioni le persone, in maggioranza donne, che soffrono la fame nonostante ci siano risorse per tutti.
Quasi la metà delle morti durante l’infanzia è legata alla malnutrizione, mentre la percentuale di giovani e non che soffrono di obesità è in costante aumento: sono oltre 670 milioni nel mondo, che diventano poi quasi 2 miliardi se si contano anche coloro che sono sovrappeso.   
Stare attenti allo spreco alimentare, mangiare meglio e adottare uno stile di vita più responsabile per sé e il Pianeta non sono scelte rinviabili, perché vitali per il nostro futuro.  
Se saranno mantenuti gli attuali tassi demografici, saremo oltre i 9 miliardi nel 2050. C’è bisogno di trovare un modello di agricoltura con nuovi, più produttivi e meno invasivi metodi di coltivazione, per dare da mangiare a tutti e allo stesso tempo migliorare la qualità dei terreni. 
E’ importante seguire una dieta sana: un pasto con cibi biologici e vegani può essere veloce, nutriente e anche semplicissimo da preparare.    
Ognuno deve fare la propria parte, insieme. Attraverso la rete, virtuale e non, ciascuno di noi può sensibilizzare sugli attuali problemi e trovare soluzioni, promuovere programmi e dialogare con le autorità e le comunità.

MASSIMILIANO PONTILLO

 

Articoli Correlati
Opinioni