Spettacoli

«The Wife è attuale perché il sessismo esiste ancora»

Glenn Close Pryce Christian Slater Björn Rung

CINEMA Dedicato a tutte le donne che aiutano, sostengono, sopportano, a volte persino sono artefici del successo dei loro uomini ma che non hanno volto. A quelle che vivono nell’ombra dei loro mariti e che, a volte, sono i veri talenti della famiglia. Questo interessante The Wife (da oggi in sala) by Björn Rung parla di una di loro che qui ha il volto e l’espressività di Glenn Close che recita al fianco di Jonathan Pryce e Christian Slater.

Ma da che cosa Glenn Close è rimasta più colpita in questa storia?
«Dall’immenso segreto che questa donna si porta dentro per anni e dall’immenso sacrificio che fa, restando nell’ombra e, di fatto, nascondendo il suo vero talento. Lei conosce il sessismo che la circonda e che l’ha spinta a fare questa scelta. E direi che questa storia è la storia delle conseguenze delle proprie azioni che si pagano sempre. A me ha dato l’opportunità di esplorare la condizione delle donne negli Anni ‘50. Non so quanto sia diverso oggi, il sessismo esiste ancora, soprattutto nel mondo del lavoro». E, se le si domanda che cosa più ha amato di questa donna, dice: «La sua determinazione, certo, ma anche il suo mistero. Ho sempre interpretato e amato donne misteriose, magari un po’ folli, capaci di tenere dentro di sé grandi segreti. Questo è un grande personaggio femminile che sono felice di aggiungere alla mia galleria di donne intelligenti e travagliate».

 

 

SILVIA DI PAOLA

Spettacoli