Fatti&Storie

Olimpiadi, Malagò ci crede ancora

TORINO

TORINO Il presidente del Coni Giovanni Malagò spera ancora che Torino  possa essere inclusa tra le sedi da proporre al Comitato olimpico internazionale per ospitare i giochi invernali del 2026, ma suggerisce alla città di diventare sede di altri eventi, come insegna il caso della fase finale dei mondiali di pallavolo che domani comincerà al PalaAlpitour, realizzato per i Giochi del 2006.

«Fino all’ultimo spero che si riesca a fare un discorso insieme perché secondo me diventeremmo invincibili, molto forti», ha detto ieri Malagò parlando dei giochi olimpici del 2026. Al momento Milano e Cortina sono le due candidate supportate dalle Regioni Lombardia e Veneto, che il Coni ha proposto al Cio, ma c’è margine per inserire anche Torino dopo che la sindaca Chiara Appendino si è tirata indietro per il mancato sostegno del governo. Malagò ricorda un dato: «In virtù delle Olimpiadi del 2006 Torino è l’unica città d’Italia su 8.000 comuni che può ospitare la Final Six dei Mondiali di Pallavolo e che potrebbe pensare, per esempio, di vincere il bando che emetterà l’Atp (l’associazione dei tennisti professionisti) per riassegnare le finali del Master del Tennis a Londra».

Andrea Giambartolomei

Articoli Correlati
Fatti&Storie