Fatti&Storie

Ticket Atm tra rincari e sconti

MILANO/ATM

TRASPORTI «Mi auguro che i milanesi capiranno. Quelli che viaggiano, lo faranno certamente, perché basta andare in qualunque parte d'Europa per vedere quanto costano i biglietti». Così il sindaco Sala ha commentato il rincaro dei biglietti Atm che scatterà a fine marzo prossimo. Una manovra che dovrebbe portare nelle casse comunali circa 50 milioni. Ad aumentare saranno: il tagliando ordinario, da 1,5 a 2 euro; il giornaliero, da 4,5 a 7 euro; il carnet da 10 ticket, da 11,30 a 17 euro; il mensile, da 35 a 39 euro (ma sono esclusi dall’aumento gli under 26 e i senior). Non vedranno rincari, invece, gli abbonamenti annuali (nemmeno per under 26 e senior come si era ipotizzato). Per essere un senior, però, bisognerà essere residenti a Milano ed essere già in pensione, indipendentemente dall’età. Novità anche per tutti gli under 14 che non dovranno più pagare, ma dovranno avere comunque una tessera. 
Ma le novità riguardano anche i passeggeri extraurbani, che risparmieranno grazie alla rivoluzione del sistema tariffario del bacino di mobilità. Sempre da primavera, infatti, ticket a 2 euro (e non più 2,5 euro) anche da e per Sesto S.G., Cinisello B., Bresso, Cologno M., Segrate, San Donato, Opera, Rozzano, Corsico, Settimo Milanese, Pero, fino a oggi considerati extraurbani. Inoltre, col ticket a 2 euro si viaggerà su tutti i capolinea delle linee metropolitane e fino al nuovo capolinea del «15» a Rozzano. La tessera annuale però su queste tratte costerà 440 euro.

Articoli Correlati
Fatti&Storie