Fatti&Storie

La lotta allo smog anche fuori città

TORINO

TORINO Stop ai veicoli più inquinanti nell’area metropolitana di Torino. Dal primo ottobre saranno in vigore nuovi limiti al traffico per migliorare la qualità dell’aria. Lo ha deciso martedì sera il tavolo di coordinamento istituito alla Città Metropolitana prevedendo un pacchetto di misure straordinarie tra cui un finanziamento sistematico del Tpl e la promozione della mobilità pedonale e ciclabile; incentivi per la sostituzione dei veicoli commerciali più vecchi e un fondo per garantire la gratuità del trasporto pubblico.

Gli amministratori locali hanno anche ipotizzato l’abolizione dei caselli sulla tangenziale che a Settimo e a Beinasco creano “tappi” alla circolazione. Per quanto riguarda lo stop ai veicoli più nocivi, l’accordo del Bacino Padano prevede il blocco dal lunedì al venerdì alle autovetture e ai veicoli commerciali con motori diesel fino agli Euro3 dalle 8:30 alle 18:30. Tuttavia, se si vorranno estendere gli orari dello stop, i Comuni dovranno adottare misure omogenee. Il blocco di questi veicoli nei 33 Comuni interessati riguarda circa 258mila tra auto e mezzi commerciali responsabili rispettivamente del 26% delle emissioni totali di biossido di azoto e del 9% delle emissioni totali di PM10. Nei prossimi mesi saranno discusse anche misure sul riscaldamento degli edifici.

ANDREA GIAMBARTOLOMEI

Articoli Correlati
Fatti&Storie