Spettacoli

Al Carroponte le anime di Rondelli

Milano/Musica

MILANO Livornese doc e personaggio atipico, irruente, eclettico, dalla vena anarchica e fuori dagli schemi. Bobo Rondelli è un cantautore originale e istrionico, dalla storia movimentata e irregolare: non tutti, per esempio, chiamerebbero la propria band Ottavo Padiglione, cioé il nome del reparto di psichiatria dell'ospedale civile di Livorno. Con quel gruppo Bobo ha scritto negli anni Novanta pagine intense e divertite come “Ho picchiato la testa”, il suo più grande successo. 

Dopo quell’avventura Rondelli ha intrapreso un’interessante carriera solista con album come “Disperati, intellettuali, ubriaconi” e “Come i Carnevali".

Stasera sarà al Carroponte (ore 21.30, euro 20) con l'ultimo cd, “Anime storte”, ispirato alle persone semplici dei giorni nostri, piene di amicizie social, ma sempre più sole e alienate.

Lo spazio di Sesto San Giovanni ospiterà domani il concerto a ingresso libero degli Elephant Claps, gruppo vocale milanese in equilibrio fra jazz, afro e funk. 

Domani con “Popoli in festa” e il peruviano Guajaja s'inaugura la quarta edizione del “Milano Latin Festival”, musica e spettacoli fino al 18 agosto nel parcheggio ATM del Forum d'Assago. Nel cast spiccano Piso 21, Daniela Mercury, Prince Royce e Lali Esposito

Per gli incontri, oggi alle 19 alla Feltrinelli Red di viale Sabotino, Peligro presenterà il nuovo cd “Mietta sono io”, racconto introspettivo del rapper milanese, che si è rimesso in discussione superando alcuni limiti per riuscire a scoprire un lato di sé finora nascosto. 

DIEGO PERUGINI

Articoli Correlati
Spettacoli