Spettacoli

«Finalmente una commedia che parla di padri e di figli»

Francois Damiens Cecile de France

CINEMA Un artificiere che cerca il padre della sua giovane figlia incinta e trova suo padre; un irresistibile ultrasettantenne che scopre un figlio; una figlia che scopre forse un fratello o forse un nuovo amore; un giovane senza arte né parte che si scopre padre e l’insostenibile leggerezza dell’essere che ogni giorno pesa su di noi. E ci intriga. Come dice Carine Tardieu, regista di questo “Toglimi un dubbio”: «Tutto parte dalla storia vera di un amico per raccontare non di madri e figli (come ho fatto sino ad oggi) ma di padri e figli». Storia che da giovedì sarà in sala interpretata da Francois Damiens e Cecile de France che racconta: «A ognuno di noi Carine ha dato un cd con delle musiche che corrispondevano al personaggio. Era come avere foto o lettere di una persona realmente esistita. A me hanno molto ispirato alcune canzoni di Riccardo Cocciante».

Cecile de France, cosa ha amato di più di questa storia?
«Il fatto che tocchi problemi di tutti, anche se non tutte le famiglie vivono un’avventura così estrema come quella che noi raccontiamo».

E cosa differenzia questa da altre commedie?
«Il suo essere costruita come un gioco di domino in cui ogni sconvolgimento emozionale di uno dei protagonisti influisce sull’ingranaggio della storia. Che è poi esattamente ciò che avviene nella vita reale».

 

SILVIA DI PAOLA

 

Spettacoli