Fatti&Storie

Treni: i pendolari chiedono più sicurezza

Torino/Trasporti

TRASPORTI Più puntualità e più sicurezza. A chiederlo i 4.218 pendolari delle tratte da Torino per Milano, Genova e Savona intervistati per conto delle associazioni ACU, Adiconsum, Associazione Consumatori, Adoc, Codacons, Federconsumatori e Movimento Consumatori. I risultati sono stati illustrati ieri al convegno “Trasporto ferroviario regionale: il passeggero diventa protagonista”. Se i viaggiatori sono soddisfatti dalla disponibilità del personale e dal numero di corse giornaliere, molte critiche emergono sulla pulizia dei servizi igienici a bordo. I problemi più sentiti sono quelli legati alla puntualità e alla sicurezza a bordo treno. Il consigliere regionale M5s Valletti sottolinea le difficoltà nell’ottenere l’indennizzo per i ritardi, riconosciuti soltanto quando superano i 60 minuti e la somma da rendere passa i 4 euro: «In questo modo è garantita la quasi completa impunità dell’impresa e negato un diritto ai viaggiatori», spiega, chiedendo alla regione  di inserire nei nuovi contratti di servizio precise clausole a tutela dei consumatori. «È come se i rimborsi non ci fossero – aggiunge Gagliardi del Movimento consumatori – perché le norme europee si basano sulla lunga percorrenza». 
Andrea Giambartolomei

Articoli Correlati
Fatti&Storie