Fatti&Storie

Ue, Italia nel mirino "Niente sconti sul debito"

GOVERNO

Mentre il Financial Times già parla di "nuovi barbari" a Roma, la Ue mette nel mirino il nuovo, eventuale governo Salvini - Di Maio.  Inequivocabili le parole del Commissario europeo alla Migrazione: "Speriamo" che col nuovo governo in Italia "non ci siano cambiamenti sulla linea della politica migratoria", ha detto Dimitris Avramopoulos. Quanto ai conti, il vicepresidente della Commissione Ue, Valdis Dombrovskis mette in guardia: "E' chiaro che l'approccio alla formazione del nuovo Governo e l'approccio rispetto alla stabilità finanziaria deve essere quello di rimanere nel corso attuale, riducendo gradualmente il deficit e riducendo gradualmente il debito pubblico". Non solo: Jyrki Katainen, vicepresidente della Commissione Ue: "Non vedo segnali che gli Stati membri vogliano cambiare le regole o concedere eccezioni a Stati membri" sul Patto di Stabilità e Crescita. Katainen ha anche ricordato che la Commissione è "guardiano dei trattati" e che "tutte le regole del Patto di Stabilità e Crescita si applicano" all'Italia.

Salvini. Immediata la reazione stizzita del leader leghista Salvini: "Dall'Europa ennesima inaccettabile interferenza di non eletti. Noi abbiamo accolto e mantenuto anche troppo, ora è il momento della legalità, della sicurezza e dei respingimenti".

Articoli Correlati
Fatti&Storie