Fatti&Storie

Scritte contro Foodora Attesa per oggi la sentenza

TORINO

TRIBUNALE "Foodora sfruttatori". E' la scritta comparsa martedì mattina su una delle pareti del Palazzo di Giustizia di Torino, in attesa della sentenza di oggi, mercoledì, quando il tribunale del lavoro dovrà esprimersi sulla causa intentata da alcuni ex fattorini contro la società del food delivery. I rider torinesi, per la prima volta in Italia, hanno portato in tribunale l'azienda specializzata nella consegna di cibo a domicilio contestando l'interruzione improvvisa del rapporto di lavoro, giunta dopo le proteste di piazza per le questioni relative alla paga oraria. Lo scorso ottobre le parti si erano incontrate per un tentativo di riconciliazione, che però non era andato a buon fine. In quell'occasione l'avvocato che assiste i rider, Sergio Bonetto, aveva chiesto il reintegro dei lavoratori e la loro assunzione, oltre al risarcimento e ai contribuiti previdenziali non goduti. Secondo il legale, i fattorini, che avevano sottoscritto un contratto di collaborazione coordinata e continuativa, sarebbero stati trattati in realtà come lavoratori dipendenti.

AGI

Articoli Correlati
Fatti&Storie