Sport

La Juventus a Madrid Ora anche lei vuole l'impresa

Champions League

CALCIO La Juventus ci proverà. Stasera, a Madrid. Partendo dallo 0-3 dell’andata della settimana scorsa: in palio, l’accesso alle semifinali di Champions League. Impossibile essere ottimisti, visto il fardello che i bianconeri si portano dietro: però il calcio è strano e, strada facendo, Buffon e compagni si sono fatti solleticare dall’idea che qualche spavento ai campioni in carica lo si possa fare venire. Per di più al Real Madrid mancheranno Sergio Ramos (squalificato) e pure Nacho, ovvero la sua riserva: tanto vale provarci, allora, attaccando il giovane Vallejo (quattro presenze in Liga) o l’adattato Casemiro.
La Juventus non avrà Dybala (cartellino rosso all’andata), ma rispetto all’andata recupererà Benatia e Pjanic: detto per inciso e senza scandalizzare nessuno, quando la Joya non c’era la Juve non ne ha poi sentito troppo la mancanza. Altro dettaglio: a Benevento, sabato, Allegri ha fatto riposare Higuain, Khedira, Chiellini e Buffon. Per la serie: crederci fino alla fine, come da slogan societario. «È una gara secca per noi, dobbiamo fare una grande prestazione in uno stadio difficile -ha detto il tecnico bianconero - in partita poi non si sa che può  succedere, dobbiamo essere bravi e tosti. E se Zidane non si fida («manca il 50% del lavoro»), fa bene: i «leoni feriti, non morti» – per dirla con Allegri – sognano davvero l’impresa.

Domenico Latagliata

Articoli Correlati
Sport