Spettacoli

Elettronica in festival al Monk

Nosaj Thing

ROMA Musica dal vivo, showcase, set inediti, presentazioni, mostre, incontri e dj set nella terza edizione di “Manifesto” in programma venerdì e sabato al Monk. Il festival di musica elettronica, che nell’anteprima autunnale ha portato sul palco del club di via Mirri artisti e gruppi come !!!(chk chk chk), Populous, Myss Keta, torna con l’edizione primaverile e con il consueto obiettivo, quello di raccontare linguaggi legati alla contaminazione musicale, visioni che dialogano e si fondono, suoni con la vocazione disconfinare oltre ogni limite di genere.
Sul palco si alterneranno alcuni dei protagonisti più innovativi e interessanti della scena italiana e internazionale della musica elettronica, a partire da Omar Souleyman, musicista siriano rifugiato in Turchia, che arriva nella Capitale per presentare sabato sera le composizioni fra musica popolare e sperimentazione dell'album “Love Letters to Syria”.

A inaugurare il festival saranno venerdì le esibizioni di Nosaj Thing, Alessandro Cortini, Indian Wells, Bruno Belissimo, Rho. Sabato, oltre a Souleyman, sarà la volta di John Montoya, violinista e compositore colombiano, che fin dai suoi esordi combina la sperimentazione elettronica con la musica classica, Valerio del Prete in arte Delphi, Ninos du Brasil, sul palco con i brani electro-batucada dell’album “Vida Eterna”, e del produttore e musicista piacentino Go Dugong. Ingresso riservato ai soci con tessera Arci.

 

STEFANO MILIONI

Spettacoli