Fatti&Storie

L’invito di Mattarella alla «corresponsabilità»

DOPO IL VOTO

ROMA «Avete dimostrato di sentire la corresponsabilità per le sorti comuni del nostro Paese e facendo comprendere che occorre essere protagonisti e costruire il futuro, senza chiudersi nelle proprie dimensioni individuali, magari con egoismo». Il presidente Mattarella parla così ai giovani Alfieri della Repubblica, 29 ragazzi dai 10 ai 18 anni, e il Quirinale precisa: «Nessun accenno alla situazione politica». Ma il monito resta.

Salvini vs Berlusconi

«Gli italiani non ci hanno votato per riportare Renzi al governo, e neanche Gentiloni». Così ha risposto il leader leghista Matteo Salvini a chi gli chiedeva dell’appello al Pd lanciato da Silvio Berlusconi («No a nuove elezioni e il Pd deve sostenere il nuovo governo. No a governo Lega-M5S»). «Non andremo mai al governo se non potremo fare quello che vogliamo realizzare - ha detto Salvini - cancellare la legge Fornero, controllare l’immigrazione clandestina e ridiscutere i trattati europei».

Bruxelles aspetta

E da Bruxelles la Commissione europea fa sapere che aspetterà la formazione del nuovo governo prima di esprimere un giudizio sui conti italiani. Quanto al Def - ha precisato il ministro dell’Economia, Padoan - il governo ha deciso di «indicare solo il quadro tendenziale lasciando al prossimo esecutivo il compito di decidere i contenuti. E dalla Ue sembra non siano giunte sollecitazioni per accelerare i tempi».

Martina: all’opposizione

Niente resa dei conti nella direzione Pd, che si è svolta in assenza del segretario dimissionario. «Abbiamo una procedura fissata dallo statuto - ha scritto però Matteo Renzi - il vice segretario assume la gestione politica e il presidente ha un mese di tempo per convocare l’assemblea nazionale». Così a tenere la relazione è stato il vice segretario, Maurizio Martina, che ha dettato la linea: «La nostra sconfitta è stata netta. Intendiamo rispettare profondamente il voto di tutti gli italiani e saremo coerenti con gli esiti del 4 marzo. Ora tocca a chi ha ricevuto maggior consenso l’onore e l’onere del governo. Continueremo a servire i cittadini dall’opposizione».

METRO

Articoli Correlati
Fatti&Storie