Fatti&Storie

L’8 marzo sciopero e rischio caos

VERSO L'8 MARZO

ROMA. Una settimana ricca di appuntamenti quella che va da domani a domenica in occasione dell’8 marzo, festa della donna. Incontri, musei aperti e iniziative in tutta la città che rischiano però di scontrarsi con l’incognita dello sciopero generale. Si fermano i trasporti, la scuola, e in generale tutte le donne lavoratrici. A Roma i sindacati Usi, Slai Cobas, Cobas, Confederazione dei Comitati di Base, Usb, Sial Cobas, Usi-Ait, Usb, Sgb, Flc e Cgil incoceranno le braccia con particolari disagi per autobus e metro. Sono comunque previste delle fasce di garanzia fino alle 8.30 e dalle 17 alle 20. Ritardi e disagi saranno possibili anche per quanto riguarda il trasporto ferroviario. Trenitalia ha comunicato che problemi e cancellazioni a partire dalla mezzanotte di oggi fino alle 21 dell’8 marzo e potrebbero verificarsi disagi su tutte le linee, ad eccezione delle Frecce.  

Disagi possibili anche per quanto riguarda la scuola, università ed enti pubblici di ricerca. Si fermano i lavoratori che aderiscono a Flc-Cgil, stop anche per i dipendenti delle aziende pubbliche e private del servizio sanitario nazionale aderenti a Cub-Sanità. Alle 17 è previsto un corteo  con partenza dal Colosseo.
Anche quest’anno  l'Unione Sindacale di Base ha risposto all'appello di Non Una Di Meno. Saranno più di 70 i paesi in cui le donne incroceranno le braccia astenendosi da qualsiasi attività produttiva e riproduttiva, formale o informale.

METRO

Articoli Correlati
Fatti&Storie