Libri

Amarsi con lealtà ma senza essere fedeli

Libri/Letizia Pezzali

Leali o fedeli: cosa è meglio essere in una coppia? Letizia Pezzali ha appena scritto un romanzo – “Lealtà”, Einaudi Stile libero pag. 196, euro 17-  che affronta questo tema. La protagonista Giulia, che si occupa di finanza e vive tra Londra e Milano, nella vita ha una passione assoluta: Michele. Peccato che lui sia sposato, abbia diciannove anni più di lei, e non abbia nessuna intenzione di lasciare la famiglia.

Cos’è la lealtà in amore?
Significa avere rispetto per la storia che si vive o che si è vissuta. Nel romanzo, in un dialogo tra Giulia e Michele, lui le dice: “Se parlerai di noi fallo con lealtà”. Michele le chiede di dire non tanto la verità, che è sfuggente, ma di avere un senso di rispetto per la storia che hanno vissuto insieme.

In amore cosa distingue la lealtà dalla fedeltà?
La fedeltà è qualcosa che noi viviamo in modo istintivo, un’adesione cieca, ci affidiamo a una persona in modo totale. La lealtà comporta sempre una decisione, una scelta. Noi scegliamo di essere leali.

Giulia è single, completamente innamorata. Lui è avvantaggiato dalla disponibilità di lei. O no?
Credo in generale che si possa stare all’interno di certe situazioni senza approfittarne, riportando come fa Michele l’altro in ogni istante alla realtà della situazione.

Lealtà non diventa in casi come questi un adattarsi a quel che l’altro ci impone?
Chi accetta una situazione come quella di Giulia, sta rinunciando a una storia d’amore vera. Tuttavia in qualsiasi storia in cui abbiamo fatto fatto rinunce se una parte di noi soffre, un’altra sa che vivendo  quella storia fino in fondo, la passione sarebbe scemata. Anche se non l’abbiamo realizzata nella quotidianità, una storia così resta importante.  ANTONELLA FIORI

 

Libri