Spettacoli

La Yoncheva canta l’Otto e Novecento

Milano/Lirica

MILANO Solo poche settimane fa ha trionfato al Metropolitan di New York come protagonista, nel ruolo del titolo, della pucciniana “Tosca” incantando pubblico e critica. Domenica, alle 20, il soprano bulgaro Sonya Yoncheva sarà in recital al Teatro alla Scala accompagnata dalla pianista Mzia Bachtouridze.

Si tratta di uno dei concerti di canto più attesi della stagione scaligera nel quale quest’artista, diventata, in poco tempo, una delle cantanti più richieste a livello internazionale, affronterà pagine da camera tra Otto e Novecento. 

Si spazierà da Ruggero Leoncavallo con la sua “Vieni, amor mio” a Gilda Ruta, da Alfredo Catalani con il brano “Senza baci” a Francesco Paolo Tosti di cui eseguirà i celebri “L’ultimo bacio” e “Ideale”, Augusto Rotoli, Giuseppe Martucci, Pier Adolfo Tirindelli per culminare con un’ampia selezione di romanze di Puccini e di Verdi. 

Nata nell’antica cittadina di Plovdiv, Sonya Yoncheva, dopo gli esordi nel repertorio barocco in cui la sua voce si è formata, ha vinto il Concorso Operalia nel 2010 e ha progressivamente ampliato il suo repertorio.

Sarà lei, dal 29 giugno, l’attesa protagonista al Teatro alla Scala de “Il pirata” di Vincenzo Bellini con la regia di Emilio Sagi e la direzione d’orchestra di Riccardo Frizza nel ruolo che, nel 1958, vide trionfare, proprio al Piermarini, la mitica Maria Callas diretta da Antonino Votto (Info: teatroallascala.org).

ANTONIO GARBISA

Articoli Correlati
Spettacoli