Spettacoli

Potter: Racconto le donne oltre gli stereotipi comuni

The Party/Sally Potter

CINEMA Piccolo party di festeggiamento con pistola. Non solo pistola che spara e può uccidere ma pistola di parole che sono proiettili. Perché nulla più delle parole è affilato come una lama in questo The Party, firmato da Sally Potter, con ricco cast, da Cillian Murphy a Kristin Scott Thomas,da  Bruno Granz a Timothy Spall e Patricia Clarkson, e in cui ognuno ha un segreto che può fare a pezzi qualcun’altro. Come dice la Potter: «Le cose che sono state nascoste vengono fuori in una sequenza di rivelazioni che si delineano come qualcosa di catastrofico».

Un privato che diventa subito politico. È un’immagine impietosa dell’Inghilterra a un passo dalla Brexit?
È un racconto affettuoso dello stato dell’Inghilterra in quel momento, un paese rovinato dove tutto può succedere quando la gente perde di vista i propri principi.

C’è molta attenzione alla complessità delle donne?
M’interessa in generale la complessità del genere umano ma soprattutto ho cercato di raccontare le donne oltre gli stereotipi.

E la scelta del bianco e nero?
A sottolineare l’essenza delle persone e la volontà che il realismo del colore non distragga chi guarda. Elementi semplici diventano strumenti del racconto. I film cui sono più affezionata sono in bianco e nero che ritengo una vera scelta stilistica. Sottolinea ciò che il film è, cioè una tragedia travestita da commedia, girata in luogo che diventa una prigione.

 

SILVIA DI PAOLA

Spettacoli