Fatti&Storie

Indagato anche Luca Pasquaretta

TORINO/SAN CARLO

COMUNE Un altro maxischermo per la finale di Champions League tra Juventus e Real Madrid, quello montato al Parco Dora, porta nuovi guai giudiziari al Comune. La procura ha indagato ieri Luca Pasquaretta, capoufficio stampa e portavoce della sindaca Appendino, per «invasione di terreni o edifici», «deturpamento di cose altrui» e  «apertura abusiva di luoghi di pubblico spettacolo o intrattenimento». Secondo quanto emerso dalle indagini, coordinate dai pm Pacileo e Rinaudo, non sarebbe stato fatto alcun atto formale per l’occupazione di suolo pubblico e l’installazione del maxischermo a opera delle ditte riconducibili a Francesco Capra,  che si è occupato dell’evento. Gli accertamenti sulla proiezione al Parco Dora sono una costola della maxi-inchiesta sui fatti di piazza San Carlo, dove sono indagate 21 persone (tra cui la stessa Appendino, l’ex questore Angelo Sanna e il prefetto Renato Saccone), accusate di disastro, lesioni e omicidio colposo. Pasquaretta è il secondo collaboratore stretto di Appendino indagato dopo Paolo Giordana. L’ex capo di gabinetto, sotto inchiesta per falso ideologico in atto pubblico, si è dimesso dopo la pubblicazione di un’intercettazione: aveva chiesto al presidente Gtt Walter Ceresa di annullare la multa a un suo amico. an.gia. 

Articoli Correlati
Fatti&Storie