Fatti&Storie

Spiagge e impianti così rinasce il Tevere

ROMA/TEVERE

ROMA Gli argini del Tevere come quelli del lungo Senna di Parigi, con spiagge, campi sportivi e percorsi interni in prossimità di Ponte Marconi. È il progetto presentato ieri dalla sindaca Virginia Raggi, che sarà pronto per la prossima estate. «Riguarderà un’area di 10 mila metri quadrati», ha spiegato la prima cittadina alla conferenza stampa “Insieme per il Tevere: verso il Contratto di Fiume con l'Ufficio Speciale di Roma Capitale”.

«Abbiamo già fatto la bonifica. Ora è un’area libera, pulita e decorosa e stiamo lavorando per la successiva riqualificazione. È un progetto concreto che punta a far riappropriare i cittadini del Tevere in maniera permanente. Fin dall’inizio del nostro mandato abbiamo voluto occuparci del Tevere su cui ci sono tanti soggetti che hanno competenze, tra cui la Regione e l’autorità di Bacino» ha aggiunto la sindaca.

In una prima fase l’area sarà gestita da concessioni brevi che si rinnoveranno di volta in volta, ma è in corso il perfezionamento di una concessione di lunga durata. L’area in questione era a rischio incendio, colma di rifiuti e insediamenti abusivi nascosti tra la vegetazione. Dopo la bonifica la zona è al momento vigilata per essere al centro del progetto di valorizzazione.
Per tutelare gli argini del fiume è stata anche creata un’app a disposizione degli enti competenti a intervenire contro il degrado, la realizzazione di baraccopoli e di discariche abusive lungo le sponde del Tevere.

PAOLO CHIRIATTI

Fatti&Storie