Fatti&Storie

Indagine sul vessillo esposto in caserma

neonazismo

FIRENZE «Stiamo verificando se vi siano gli estremi per configurare qualche reato, non credo dal punto di vista del codice militare, ma penso si tratti più di un problema di natura disciplinare e culturale». Così il procuratore militare Marco De Paolis in merito all’indagine aperta sulla vicenda avvenuta nella caserma dei carabinieri “Baldissera” a Firenze. Qui infatti in una camerata è stata fotografata esposta la bandiera del secondo Reich, vessillo della Marina militare della Germania imperiale tra il 1871 e il 1919, oggi utilizzata da gruppi neonazisti antisemiti. L’ex segretario del Pd Walter Veltroni ha lanciato un appello a mobilitarsi in piazza per fermare l’onda nera: «Nutro una profonda inquietudine sul futuro della democrazia - ha detto - che rischia di essere rimessa in discussione».

METRO

Fatti&Storie