Tecno

OnePlus 5T, top di gamma alla metà del prezzo

smartphone

Design ricercato, attenzione ai dettagli, collaborazioni di pregio, vendita solo online. OnePlus, quartier generale – come ti sbagli – a Shenzhen, Cina, è davvero “la Apple degli smartphone Android”, come sostiene il cofondatore Carl Pei? Probabilmente sì. Anche se la fascia di prezzo in cui i suoi dispositivi si muovono è decisamente più accessibile. L’ultimo presentato, OnePlus 5T, si muove infatti fra i 499 (64 GB e 6 GB di Ram) e i 549 euro (128 GB e 8 GB di Ram). Migliora, ma per meglio dire diversifica, il predecessore OnePlus 5, presentato pochi mesi fa. Che tuttavia, una volta esaurite le scorte, uscirà di produzione. Dell’altro modello il 5T, scocca in alluminio anodizzato molto sottile, conserva il cuore ma ritocca profondamente display e fotocamere. Nel primo caso si tratta di uno schermo Amoled da 6 pollici con proporzioni 18:9, utili per dividere le app e godere meglio dei video grazie anche alle nuove calibrazioni dei colori. Come vuole la moda del momento, le cornici superiori e soprattutto laterali sono ridotte al minimo. Nel secondo, pur perdendo lo zoom ottico, arrivano due sensori entrambi con apertura f/1.7: uno da 16 Megapixel, quello principale, e uno secondario da 20 che interviene solo quando le condizioni di luce sono pessime. Mosso da un processore Snapdragon 835, quello che montano i modelli di punta di (quasi) tutti i concorrenti, il 5T si sblocca con il riconoscimento facciale (sì, come l’iPhoneX, e funziona bene) ma mantiene il lettore d’impronta digitale, spostato sul retro. Usarlo con OxygenOS, una versione estremamente pulita ed essenziale di Android 7.1.1 ricca di personalizzazioni (a breve arriverà Oreo) è rilassante e la fedeltà è garantita: grazie al sistema Dash Charge basta mezz’ora per resuscitare la batteria da 3.330 mAh e farsela bastare per tutta la giornata. Insomma, sotto il versante prezzo-qualità OnePlus rimane la prima scelta.

SIMONE COSIMI

 

Varta Safety Power Bank

Piccolo, dorato e dal design elegante, il nuovo caricabatteria Varta sposa praticità e utilità: permette di rianimare lo smartphone quando si è in giro e agli sgoccioli ma è anche dotato di una luce stroboscopica e di un allarme di emergenza da 100 db. Dispositivi intelligenti e non offensivi pensati per mettere in fuga eventuali malintenzionati. Costa 21,99 euro.

 

Blaster 10

Simpatico ed economico sistema audio Bluetooth per le festicciole di Natale con “bass reflex” da 20 Watt che garantisce un suono chiaro. L’effetto discoteca è dato dagli effetti di luce Led Rgb sul pannello frontale, sincronizzati con la musica. Due ore di autonomia grazie alla batteria ricaricabile integrata, va bene anche il cavo del telefono. Costa 54,90 euro.

 

Htc Vive Focus

Per ora è annunciato ma promette bene. Si tratta del nuovo visore per la realtà virtuale dei taiwanesi di Htc mosso da processore  Snapdragon 835. Il gruppo cancella dunque il progetto DayDream con Google e sgancia il caschetto da smartphone e pc, rendendolo autonomo. Sei i gradi di movimento: all’interno di tutto lo spazio, avanti, indietro, sinistra e destra, in basso o in alto.

Articoli Correlati
Tecno