Sport

Lazio-Vitesse per dimenticare il derby

Europa League

CALCIO «Abbiamo preso atto tutti della sconfitta nel derby. Non cerchiamo nessun alibi, è normale che ci sia delusione ma questo sentimento dovrà servire come crescita per le prossime partite per reagire, come accaduto contro il Napoli». Così a poco più di ventiquattr'ore dal fischio d’inizio di Lazio-Vitesse, con la sua squadra matematicamente qualificata alla fase successiva, il tecnico biancoceleste Simone Inzaghi è intervenuto in conferenza stampa dal Centro Sportivo di Formello. «Perdere contro i giallorossi e contro gli azzurri è differente per noi e per i nostri tifosi ma dovremo metterci quest’ultima sconfitta alle spalle per ripartire più forti di prima», ha aggiunto.

Ora la testa è all’Europa League. «Siamo stati bravi nelle prime quattro partite del girone di Europa League a mettere la qualificazione in cassaforte. Domani dovremo disputare una partita di livello. Ho già ricevuto le risposte che volevo da tutti i giocatori - ha detto Inzaghi - indipendentemente da domani sera. Domani abbiamo l’obbligo di fare una buona gara perché poi domenica avremo una partita importante contro la Fiorentina». La sconfitta nel Derby però è ancora fresca, come le conseguenti polemiche arbitrali. «Non voglio alibi per la sconfitta nel derby. Ascoltando i pareri di molti addetti ai lavori l’arbitraggio è stato molto casalingo e ci ha penalizzati, i raccattapalle poi erano scomparsi, ma tutto questo fa parte dei nostri derby. Sono episodi che non dovrebbero capitare, ma capitano», ha detto il tecnico biancoceleste come riporta il sito del club.

 «L'errore più sbagliato che possiamo commettere, io in primis, è quello di accampare alibi o scuse: abbiamo perso perché abbiamo commesso degli errori gravi - ha ribadito Inzaghi - gli ultimi derby, al contrario, li avevamo vinti vinto perché non avevamo sbagliato nulla. Non a caso, avevamo commesso un’ingenuità nella prima stracittadina dell’anno scorso ed infatti sia stati battuti». «Domani voglio una grandissima reazione da parte della squadra matura che so di allenare e che finora ha regalato gioie e soddisfazioni a me ed alla nostra gente. Quella contro la Roma è stata una sconfitta dolorosa - ha concluso - ma dovrà rappresentare un’iniezione per il futuro. Ci aspetta un calendario non semplice ma dovremo essere bravi a ripartire da questa débâcle».

 

Articoli Correlati
Sport