Fatti&Storie

Agenti in borghese per il ballottaggio a Ostia

elezioni ostia

ROMA Seggi sorvegliati speciali a Ostia in  occasione del turno di ballottaggio per le elezioni del X Municipio di Roma che si svolgerà domenica 19 novembre. Se tutti i 183 seggi  saranno presidiati come di consueto con l’impiego delle forze  dell’ordine normalmente previsto alle elezioni, in questa circostanza  la vigilanza sarà rafforzata con l’impiego di forze in borghese nelle  sezioni elettorali considerate più a rischio. Non solo:  l'esercito vigilerà il deposito delle schede elettorali. «Per la vigilanza ai seggi si prevede che ogni plesso elettorale sarà vigilato 24 ore su 24 a partire dal giorno precedente le votazioni da polizia, carabinieri e Guardia di Finanza. La vigilanza terminerà solo a definitiva chiusura dei seggi»: questo è quanto  emerso dal Comitato provinciale per l’ordine e la sicurezza che si è  riunito ieri nella sede del Municipio X alla presenza del ministro  dell’Interno Marco Minniti e della sindaca Virginia Raggi. Un’attenzione particolare sarà rivolta al territorio di Nuova Ostia e della zona di Ponente, dove si trova il “quartier generale” del clan Spada. Proprio lì, a pochi passi da piazza Gasparri, la scorsa settimana, pochi  giorni dopo il primo turno delle elezioni, una troupe televisiva della Rai è stata aggredita da Roberto Spada.
«La presenza del commissario prefettizio  Vulpiani ricorda a tutti noi che questo Municipio era stato sciolto  per mafia, il commissariamento era stato prorogato per altri sei mesi e ora con le elezioni c'è il ritorno alla vita democratica di questo  Municipio, nel quale in questi anni c'è stata un’intensa attività  investigativa a contrasto delle infiltrazioni mafiose e della  criminalità comune. I risultati sono importanti sia per il numero di arresti effettuati che per i patrimoni sequestrati e poi confiscati»: queste le parole di Minniti al termine del  Comitato.

METRO

Articoli Correlati
Fatti&Storie