Sport

La tavola azzurra è davvero poverissima

Calcio

CALCIO La nazionale di calcio non va in Russia.  Momento terribile  in contrasto  con la gloriosissima storia azzurra che vanta tanto palmares: un’Olimpiade (1936), quattro Mondiali,   (1934, 1938, 1982,  2006) un titolo Europeo (1968), senza contare le  finali   perse (contro il Brasile ai Mondiali del 1970 e del  1994 e quelle  contro la Francia e la  Spagna agli Europei del 2000 e  2012). Ma la crisi in cui siamo impantanati ha  cause precise: ormai sono sempre meno i calciatori italiani protagonisti nel nostro campionato. In altri paesi, in Germania per esempio, sono state fatte scelte diverse e i risultati si sono visti. Antonio Conte era riuscito a mascherare questo problema strutturale grazie alla sua indubbia abilità, ma    anche  a circostanze particolari    (un gruppo speciale), difficililmente replicabili oggi.  Indignarsi con il ct  Ventura sarebbe  sbagliato: questo è quello che passa il convento.

COSIMO CROCE

Articoli Correlati
Sport