Fatti&Storie

Le scuole migliori per l'università o per il lavoro

Scuola

ROMA Quale scuola scegliere dopo per le superiori? Ovviamente quella che offre le maggiori garanzie di preparare meglio all’università o al mondo del lavoro. E come si fa a sapere quale è? Ci pensa Eduscopio, lo studio promosso dalla Fondazione Agnelli che si prende la briga di delineare una mappa dello stato di salute della scuola in Italia dal punto di vista della scelta universitaria e anche per chi decide di entrare nel mondo del lavoro dopo il diploma. 
Dal rapporto di quest’anno emerge che un giovane su due, a due anni dal diploma in un istituto tecnico o professionale, trova lavoro. E proprio qui sta la novità dell’edizione 2017: mentre la mappa dei Licei era completa fin dal 2014, da quest’anno anche gli esiti lavorativi dei diplomati riguardano le scuole di tutte le regioni italiane (erano 7 nel 2016), con l’eccezione di Aosta e della Provincia di Bolzano.
«Quest’anno - spiega Mario Mezzanzanica, del CRISP dell'università Milano Bicocca, che ha svolto le elaborazioni per la sezione di Eduscopio sul lavoro - grazie alla collaborazione del MIUR e del Ministero del Lavoro, si sono potuti integrare i dati dei diplomati dei diversi percorsi scolastici nelle regioni italiane ottenendo informazioni uniche in merito all’ingresso nel mercato del lavoro dei giovani. A livello nazionale, a due anni dal conseguimento del diploma, il 47% dei diplomati presso istituti tecnici e professionali lavora. Come prevedibile, - aggiunge - la situazione è diversa tra nord, centro e sud del Paese per tutti gli indicatori». 
Il risultato della ricerca è consultabile online e vuole essere una risorsa per gli studenti nel momento della decisione di quale scuola scegliere dopo l’esame di terza media. Per Andrea Gavosto, direttore della Fondazione Agnelli «Eduscopio è utile perché consente di comparare la qualità delle scuole dell’indirizzo di studio che interessa allo studente nell’area dove risiede. Aiuta chi non si accontenta del “passa parola” e, in modo particolare, quelle famiglie che non possono contare su reti sociali e culturali forti». Per sapere qual è la scuola più “giusta” studenti e famiglie dovranno seguire un percorso sul portale.

Il Tasso vince a Roma
Il miglior liceo classico di Roma è il Torquato Tasso, il miglior liceo scientifico è il Virgilio. Entrambi superano il Mamiani che guidava le precedenti classifiche.Miglior istituto tecnico Economico il Livia Bottardi, Tecnologico Einstein. Liceo scienze umane Maria Montessori. Linguistico primo in classifica l’Orazio.

A Milano bene le paritarie
A Milano  il liceo Sacro Cuore è primo tra i classici, il Volta tra gli scientifici, l’istituto delle Orsoline tra gli artistici.  Tra i linguistici vince il Manzoni, mentre nei licei umanistici primeggia il Virgilio. Ma  le migliori scuole assolute sono il Crespi di Busto Arsizio, il Don Gnocchi di Carate Brianza, il Legnani di Saronno.

A Torino vince Cavour
A Torino il liceo Cavour si conferma al primo posto  tra i licei classici. Cambia il vertice dei licei scientifici dove sale il Galileo Ferraris. Sono in provincia i migliori licei delle scienze umane (Curie di Collegno) e linguistico (Curie di Grugliasco). Tra gli istituti tecnici l’Erasmo da Rotterdam di Nichelino balza al primo posto.

O.BA.

Articoli Correlati
Fatti&Storie