Sport

Verso Svezia-Italia De Rossi incendia la sfida

Qualificazioni mondiali

CALCIO Vigilia di Svezia-Italia, linea Maginot dei Mondiali 2018: a Coverciano c’è ottimismo e ce ne eravamo già accorti nei giorni scorsi, quando a darsi coraggio sono stati Tavecchio, Ventura, Florenzi («vinciamo noi», «l’Italia andrà al mondiale»): ieri al coro si è aggiunto anche Daniele De Rossi. «Non ho mai preso in considerazione l’eventualità di non andare al Mondiale, anche perchè la vivrei come una macchia sulla mia carriera», ha detto il centrocampista della nazionale, «al nostro interno abbiamo fiducia, ma essendo una doppia sfida fondamentale vogliamo che tutta l’Italia ci sia vicino e lasci ogni campanilismo». La partenza per la Svezia è prevista per oggi pomeriggio da Firenze.
Uno sguardo agli avversari
Ibra non c’è più, e la nazionale scandinava non ha leader. Questo è un punto debole: ma i giovani talenti ed alcuni ex della Serie A (Granqvist ed Ekdal, ex di Juventus, Siena e Cagliari) hanno buone capacità. In difesa occhio a Lindelof, scuola  Manchester United, in crescita con Mourinho. E poi John Guidetti: perenne meteora del calcio che conta ma in ogni caso capace di grandi giocate.
«Il biscotto, vostra ossessione»
«Se il biscotto del 2004 è un’ossessione italiana? Direi di sì», ha detto a Radio Sportiva la consigliere dell’ambasciata di Svezia a Roma Sara Dahlsten. Nel frattempo, la storia accarezza Gigi Buffon, che nell’ottobre ‘97 esord’ nello spareggio mondiale con i russi: «Ricorso che avrei evitato volentieri».

METRO

Articoli Correlati
Sport