Opinioni

Quei “Giga” al telefono, grossi così...

CARLO BARBIERI

Chiamano mentre sei sotto la doccia, mentre cerchi di aprire la porta di casa stracarico di pacchi, il sabato mattina quando vorresti dormire di più.  “Pronto mi chiamo Elena,  qual è il suo gestore telefonico?”. Se protesti perché il tuo numero è nel registro delle opposizioni, chiudono... ma poi, qualcuno che richiama c’è sempre. Che fare? 
Se siete tipi tecnoesperti, o avete il nipotino di cinque anni nativo digitale che vi fa il lavoro, installate una app o un gadget filtro. Se siete tecnoignoranti come me e non avete cybernipotini, vi dico come mi sono arrangiato io con due metodi più terra terra ma di grande soddisfazione. 
Il primo è per quando non avete fretta. 
“Pronto mi chiamo Elena,  sono della Figocell. Il signor Barbieri?”. “Sì”. “Quel è il suo gestore?” “La Bellacell”. “Abbiamo per lei un’offerta eccezionale. Linea fissa, arcisuperfibra, cellulare no limits con Giga grossi così, film in streaming, smartphone da 10 pollici e 3 indici, caffettiera omaggio e cornetti a domicilio per un anno. Però solo se fa il contratto ora”. Rispondete entusiasti: “Accidenti mi interessa. Scusi, suonano alla porta, stia in linea eh?” e andate a fare pipì, o vi fate un caffè, poi tornate. “Eccomi”. “Allora facciamo il contratto?” “Certo!”. “Bene, risponda sì a tutte le domande”. “Aspetti, cambio la pila dell’apparecchio acustico”. Sparite per due minuti, poi tornate... “Piange il bambino” “Il citofono” finché non vi manda a quel paese.
Il secondo è semplice e veloce. “Pronto mi chiamo Elena, della Figocell. Il signor Barbieri?” “Sì” “Qual è il suo gestore?”  “Figocell”. “Ah... ma da quando?” “Da due giorni”. “Qui c’è scritto che è la Bellacell” “Non più.” “Mi scusi, si vede che il sistema non è aggiornato.  
Se fate così per tutte le telefonate, magari vi cancellano. E con un po’ di fortuna, se lo facciamo in tanti,  chissà che al “sistema” non prenda un bel coccolone e smettano di romperci i megabyte.

Articoli Correlati
Opinioni