Spettacoli

Cristina Donà offre Tregua all’Hiroshima

Musica/Torino

TORINO È una delle migliori cantautrici di casa nostra, dotata di una vena poetica originale e intensa, capace in concerto di spaziare da atmosfere rock ed elettriche a ipnotici e sensuali momenti acustici. Stasera all'Hiroshima Cristina Donà (ore 22, euro 15) aprirà la tranche autunno-inverno di “Tregua 1997-2017 Stelle Buone”, tour dedicato al suo primo album, “Tregua”.

«Sono passati vent’anni e la prima cosa che penso è che sto ancora facendo il lavoro che amo di più, il mio sogno», spiega la Donà.

Fedele al principio di non ripetersi proporrà delle novità rispetto ai concerti estivi: ascolteremo, infatti, nuove versioni di altri brani simbolo del suo repertorio, oltre alle cover di grandi artisti italiani e internazionali.

Sul palco Cristiano Calcagnile alla batteria e Lorenzo Corti alla chitarra, musicisti che collaborano con lei sin dai suoi esordi, con l’inserimento di Danilo Gallo al basso e Gabriele Mitelli alla tromba. 

Allo Spazio 211 il giovane torinese Kiol presenta il suo nuovo singolo “Hard Times” che anticipa il tour nel Regno Unito, mentre a Pop (ex Lavanderie Ramone) serata reggae con Serengeti Connection, Miraflowers & Do The Reggae featuring Dj Elarco (outta Refugees) e Ibson Daone & Jah Revolution.

Al Jazz Club Torino il cantautore Eugenio Rodondi, già finalista del Premio De André dedicato alla canzone d’autore, presenterà “D'un tratto” il nuovo album che approfondisce e sviluppa alcuni aspetti dei rapporti umani e, in particolare, di coppia: un viaggio attraverso le relazioni che costituiscono il percorso di vita di ognuno di noi. 

Nel pomeriggio al Mondadori Megastore di via Monte di Pietà, alle 15, il rapper Nerone incontra il pubblico e firma le copie dell'album “Max”. 

DIEGO PERUGINI

Articoli Correlati
Spettacoli