Opinioni

In questo mondo di ladri

CARLO BARBIERI

Scrivendo gialli ho conosciuto poliziotti che mi hanno raccontato di trovate criminali che, se non fossero reati, sarebbero da standing ovation. Come alcune per rubare le borse alle automobiliste.
1. Il pneumatico sgonfio. Parcheggi al supermercato. Appena te ne vai ti bucano una ruota. Tu torni, riparti e dopo un po’ noti che qualcosa non va e scendi a controllare lasciando la borsa sul sedile accanto... 
2. L’informazione. Uno si affianca al semaforo o al parcheggio e ti chiede una indicazione. Mentre la dai, un altro apre lo sportello lato passeggero... 
3. Il portafoglio. Mentre metti in moto, un tizio indica qualcosa a terra: “È caduto a lei?” Sembra un portafoglio... e mentre esci dall’auto per controllare, un complice apre l’altro sportello...
Concludo citando due trucchi incredibili. Il primo, Oscar per il più bastardo, colpisce spesso coppie di anziani. I delinquenti aspettano che uno di loro esca di casa. Mettiamo che sia il marito, e che indossi una sciarpa rossa. Dopo alcuni minuti citofonano alla moglie urlando: “Suo marito è anziano, con una sciarpa rossa? L’hanno investito qui vicino! Corra, corra!”. 
La poveretta si precipiterà senza chiudere la porta di casa. E quel vago “qui vicino” la farà correre disperata per tutto il quartiere, mentre i ladri... 
Il secondo è Oscar per la semplicità: buttano un po’ d’acqua sotto la porta di casa e aspettano. Non c’è nessuno che, di fronte a una chiazza d’acqua che arriva da fuori, non tolga qualsiasi chiavistello e apra. Et voilà.
E allora, direte voi, che dobbiamo fare? 
E che ne so? Comprate un carro armato che non può forare, mettete i tappi nelle orecchie come Ulisse, fatevi la porta di casa stagna. 
O girate conciati così male da far venire ai ladri e ai truffatori la voglia di rubare ai ricchi per dare a voi. Come Robin Hood.

CARLO BARBIERI

Articoli Correlati
Opinioni