Fatti&Storie

Metropoli, per i precari la stabilizzazione è vicina

Milano

CITTA' Le avvisaglie positive c’erano già state l’altro ieri, quando il sindaco Sala, uscendo dall’incontro di Palazzo Chigi con Gentiloni, l’Anci e gli altri sindaci metropolitani, aveva rassicurato tutti sulle risorse necessarie per chiudere i bilanci delle ex Province. Ieri, la risoluzione del “caso” ha avuto un ulteriore avanzamento, soprattutto per quel che riguarda la vicenda delle cìdecine di precari (in maggioranza tecnici ambientali con contratti a tempo determinato) che da giorni occupano l’aula consiliare di Palazzo Isimbardi. Ha detto ieri Sala, infatti: «Abbiamo avuto conferma che a Roma hanno firmato il decreto di suddivisione dei 28 milioni di euro dedicati alla Città Metropolitana. A Milano ne arrivano 11,2 e queste risorse, aggiunte a qualche sistemazione ultima sul bilancio, ci consentiranno di chiudere lo stesso». Obiettivo, chiudere il bilancio entro il weekend. A gioire sono i precari, a questo punto. Sala ha parlato loro e li ha rassicurati: «Da lunedì torneranno al lavoro. L’importante è arrivare al 2018 perché poi grazie alla legge Madia dovrebbero essere stabilizzati, quindi fondamentalmente si tratta di portar pazienza». I precari esultano: «È la prima volta che un sindaco ci parla di stabilizzazione». Sciolgono il presidio, ma restano ben “vigili”.

METRO

Articoli Correlati
Fatti&Storie