Sport

Juventus, esame di greco contro l'Olympiacos serve vincere

Champions League

CALCIO A dirla tutta, Juventus-Olympiacos vale poco meno di una finale. Perché la Signora, nettamente battuta dal Barcellona nell’esordio europeo, non può permettersi di sbagliare. Non possono però farlo nemmeno i greci, finiti ko in casa contro lo Sporting Lisbona e reduci dal cambio di allenatore essendo passati da Hasi a Takis Lemonis. Uno che da quelle parti ha già raddrizzato la baracca lo scorso anno quando, da subentrante, aveva condotto i biancorossi alla conquista del settimo campionato consecutivo. Meglio insomma che la Juve (con Khedira di nuovo tra i convocati) tenga gli occhi aperti: servirà una partita solida, sulla scia di quanto visto contro il Toro.
«L’obiettivo non è il primo posto – ha ribadito lo stesso tecnico Allegri – ma passare il turno. Sappiamo di dover vincere,  siamo pronti». Il modulo sarà il 4-2-3-1 con Barzagli esterno e Benatia e Chiellini centrali  davanti a Buffon. In attacco invece, sarebbe clamorosa una seconda esclusione consecutiva di Gonzalo Higuain: il Pipita insomma ci sarà, probabilmente avendo al proprio fianco sia Dybala che Mandzukic.

DOMENICO LATAGLIATA

Articoli Correlati
Sport